dicembre 2011
Adriano continua a far parlare di se. All'uscita di una discoteca, nel quartiere di Barra de Tijuca, il popolare giocatore del Corinthians, una volta raggiunta la macchina, si è messo a giocare con la pistola della sua guardia del corpo. Improvvisamente dall'arma è partito un colpo, che ha ferito alla mano, la ventenne Adriene Cyrilo, che era in sua compagnia. La ragazza è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico all'ospedale Barra d'Or e le sue condizioni sono buone. Eccovi il video della rete segnata dall'attaccante brasiliano, nell'incontro con l'Atletico Mineiro, disputato il 20/11/2011.
Del Piero si traveste da Babbo Natale per fare gli auguri ai tifosi. Il capitano bianconero, dimostra ancora una volta, la sua simpatia e il suo affetto per i tifosi, augurando a tutti un "Buon Natale" travestito da Babbo Natale.
Totti si veste da dirigente e in un intervista parla del rinnovo del contratto da parte di De Rossi. "Fossi un dirigente, gli direi firmi o firmi, a qualsiasi cifra, De Rossi fa parte del progetto e deve firmare a qualsiasi costo". Un Totti in splendida forma, dopo aver cantato "tutti al mare" alla fine della partita col Bologna, invita in maniera decisa il compagno di squadra a firmare il rinnovo del contratto con i giallorossi.
Ecco il video dei gol di Inter - Lecce 4-1 con il commento di Recalcati. Il popolare telecronista tifoso della squadra nerazzurra, estasiato dal filotto di 4 vittorie consecutive della squadra di Ranieri, accoglie con particolare entusiasmo le reti di Pazzini e Milito che spengono sul nascere ogni velleità dei leccesi.
Eccovi i gol della Roma con il commento di Zampa. Il telecronista tifoso dei giallorossi, dopo i risultati positivi delle ultime partite, può finalmente esultare e gioire con il solito entusiasmo, condito dal suo linguaggio simpatico e colorito.
Eccovi il video di Totti, mentre canta la popolarissima canzone di Gabriella Ferri "Tutti al Mare a mostrar le chiappe chiare". Il capitano giallorosso dopo le critiche per il rigore sbagliato nella partita con la Juventus, sembra essere tornato di buon umore e festeggia cantando insieme ai tifosi.
Dopo il pareggio casalingo con la Juventus, Pablo Estifer Armero, verso le 5 del mattino, è stato fermato da una pattuglia dei Carabinieri di Udine, per un normale controllo. Il giocatore dell'Udinese, che era in compagnia di un'avvenente ragazza rumena di 20 anni, era chiaramente in stato di ebrezza. Alla richiesta dei militi, di sottoporsi al test alcolemico, Armero ha iniziato ad urlare, inveendo ed insultando i Carabinieri. A questo punto gli uomini della pattuglia, non hanno potuto fare a meno di denunciare il giocatore. per oltraggio e minacce ad un pubblico ufficiale. Si aspettano le reazioni della società. in merito a questo caso increscioso.
Il Napoli batte il Genoa 6-1 e scaccia i fantasmi di una presunta crisi. Eccovi le immagini della partita con la telecronaca di Raffaele Auriemma. Il telecronista tifoso della squadra napoletana, visto il punteggio tennistico, con cui la squadra di Mazzarri demolisce il Genoa, si scatena più che mai e commenta con il solito entusiasmo le reti dei partenopei.
Il Milan batte il Cagliari 2-0 e si riporta in testa alla classifica con 34 punti, in attesa della sfida del "Friuli" tra Udinese e Juventus in programma questa sera. Nell'anticipo del recupero della prima giornata del campionato, i rossoneri si impongono sul terreno degli isolani, senza troppi affanni, grazie ad uno stratosferico Ibraimovich, che riesce a far male, sia in rifinitura, che in fase conclusiva, con una facilità così disarmante, che alle volte da quasi l'impressione di vedere un adulto che gioca una partita del campionato Allievi. Dopo solo 4 minuti di gioco, lo svedese con un lancio filtrante, taglia come il burro la difesa cagliaritana e lancia Robinho sulla fascia destra, il brasiliano evita l'avventurosa uscita di Agazzi e dalla linea di fondo, con la porta ormai sguarnita, mette in mezzo un invitante traversone su cui si avventa Pisano, che nel disperato tentativo di anticipare l'accorrente Nocerino, spedisce il pallone nella propria rete. Dopo il gol, gli uomini di Ballardini hanno una reazione di orgoglio e per tutto il primo tempo continuano a  pressare la squadra rossonera, creando qualche problema ad Abbiati. La pressione cagliaritana è favorita anche da un atteggiamento lezioso dei giocatori Milan, che eccedono nel voler cercare la giocata di fino, facendo imbestialire Allegri, che dalla panchina urla come un indemoniato. Nei primi minuti della ripresa, la musica sembra essere la stessa della prima frazione e visto che Allegri non ha ormai più voce, Ibra capisce che è venuto il momento di porre fine al tormento del suo tecnico. Al 13' sale in cattedra e con un passaggio filtrante, lancia Robinho in area, il brasiliano salta Agazzi, ma poi spreca tutto calciando incredibilmente fuori, con la porta completamente vuota. Lo svedese, a questo punto, decide che è meglio fare tutto da solo, due minuti dopo, da fermo, chiede e riceve il pallone al limite dell'area, lo controlla con estrema calma, chiede il triangolo a Robinho  e sull'invito del brasiliano, si infila in area e trafigge Agazzi in uscita. Undicesimo gol stagionale per Ibra e undicesimo risultato utile consecutivo per i rossoneri, che tornano in testa alla classifica della Serie A.
Antonio Cassano, ne combina un'altra delle sue. Il giocatore del Milan di fronte ad un bar di Genova, aggredisce verbalmente e fisicamente, l'operatore di una troupe televisiva dell'emittente locale Telenord. Il malcapitato, insieme ad una giornalista, aveva appena finito una serie di interviste, in vista delle prossime elezioni comunali e stava riponendo la telecamera spenta nello scooter, proprio mentre transitava l'auto del giocatore, con a bordo la sua famiglia. Secondo il racconto della giornalista Jessica Nicolini, figlia dell'ex giocatore della Sampdoria Enrico Nicolini, appena Cassano ha notato la presenza della troupe con la telecamera, è sceso dalla macchina come una furia ed ha iniziato a spintonare il camereman, urlando come un forsennato "ti spacco la faccia", a quel punto la giornalista, ha cercato di spiegargli che stavano filmando delle interviste per un sondaggio politico e che al momento del suo passaggio, la telecamera era spenta, ma il giocatore, non ha voluto sentire ragioni ed ha continuato a strattonare l'uomo, insultandolo ripetutamente, fino a quando, alcune persone che avevano assistito alla scena, sono intervenute in difesa dei due operatori. In seguito all'increscioso episodio, il segretario dell'Associazione dei Giornalisti Liguri, Marcello Zinola, ha dichiarato "Facciamo i nostri Auguri di Natale a Cassano, ma gli ricordiamo anche, di ripassare ogni tanto le norme del corretto vivere quotidiano, il fatto di essere un personaggio pubblico molto famoso, non gli permette di non avere rispetto per chi lavora". Nel video sottostante, l'intervista con il racconto dei due giornalisti aggrediti.
Maxi Biancucchi di mestiere fa il goleador ed è il cugino di Lionel Messi. La sua abilità nelle conclusioni a rete, è un ulteriore conferma, che la famiglia della stella del Barcellona, ha il gol nel DNA. Dopo aver militato nel Cruz Azul di Città del Messico, il calciatore argentino dalla nobile parentela, è attualmente, uno degli uomini di maggior spicco dell'Olimpia di Asuncion, neo campione del Paraguay. I tifosi locali, che dopo undici anni di astinenza, grazie alle sue reti, hanno potuto finalmente riassaporare il gusto della vittoria, lo adorano e lo hanno ribattezzato "O primo do Messi" per via della parentela con il gioiello della squadra catalana. Ecco alcuni video, che mostrano le sue doti di cannoniere. 
La Juventus ha scelto Borriello per rinforzare il reparto offensivo.  Il giocatore, dopo le continue esclusioni e i dissapori, con il tecnico della Roma Luis Enrique, non vede l'ora di cambiare aria. Marotta, che ha un particolare talento, per questo tipo di operazioni,  vista la necessità di un punta, in grado di concretizzare le innumerevoli occasioni da rete, che la squadra di Conte riesce a produrre, ha colto al volo l'occasione, chiedendo a Walter Sabatini, il prestito a gennaio di Borriello, con diritto di riscatto a fine stagione. Stando alle indiscrezioni, il Direttore Sportivo dei giallorossi, vista l'opportunità di sgravarsi da un ingaggio pesante, considerando che il giocatore non rientra nei programmi dell'allenatore, ha accolto positivamente la richiesta del dirigente bianconero, fissando la cifra del riscatto, a dodici milioni. Dal canto suo la Juventus, a differenza di quanto avvenne durante il mercato estivo, in questo momento, è disposta a garantire all'attaccante giallorosso i 4 milioni attualmente percepiti. Visti i presupposti, la trattativa sembra destinata a concludersi positivamente, in tempi brevi.
Eccovi il video relativo all'arresto di Cristiano Doni. Quando gli uomini del Commissariato, hanno bussato alla porta di casa sua, il calciatore, resosi conto della situazione, ha tentato di sottrarsi all'arresto, dandosi alla fuga attraverso un uscita secondaria, che conduce al garage della sua villa, ma gli agenti, che nel frattempo avevano circondato l'abitazione, lo hanno prontamente bloccato. Nell'ambito della nuova inchiesta da parte della Procura di Cremona, alle prime luci dell'alba, gli agenti di polizia, hanno eseguito l'ordinanza del Gip, arrestando 17 persone tra cui alcuni giocatori. Oltre che per Doni, sono scattate le manette per Luigi Sartor (ex Inter, Roma,  Parma e Vicenza), Filippo Carobbio dello Spezia e Carlo Gervasoni del Piacenza. Il provvedimento di custodia cautelare nei confronti dell'atalantino, è stato emesso, per il pericolo che inquinasse ulteriormente le prove, dopo che gli inquirenti avevano scoperto, il tentativo di corrompere altri indagati, pagando personalmente, le parcelle dei loro avvocati difensori. Nella conferenza stampa, tenuta presso la Procura di Cremona, il Procuratore Capo Roberto Di Martino, ha dichiarato che le indagini, sono state condotte in collaborazione con gli organi di Polizia di Croazia, Germania, Turchia e Ungheria, aggiungendo che nell'operazione, sono stati arrestati anche sette cittadini slavi. 
Eccovi i video di Juventus - Novara 2-0 con la telecronaca di Zuliani. Il popolarissimo telecronista tifoso, commenta i gol di Pepe e Quagliarella, con il solito entusiasmo e la solita simpatia che lo hanno fatto diventare un idolo di moltissimi "fratelli e sorelle" bianconeri.

La Juventus batte il Novara 2-0 e rimane al comando della classifica con 33 punti. Conte, che oltre a Vucinic infortunato, deve fare ameno di Bonucci e Vidal, rivoluziona l'assetto delle ultime gare. In difesa, inserisce De Ceglie sulla fascia sinistra e sposta Chiellini al centro, a centrocampo piazza Giaccherini al posto di Vidal e in attacco, opta per un trio inedito, formato da Del Piero, Quagliarella e Pepe, lasciando a riposo Matri, che nelle ultime apparizioni, era apparso alquanto spento. La squadra bianconera, come al solito, parte con il piede schiacciato sulla tavoletta dell'accelleratore e al 2' Marchisio,  dopo una azione in velocità, costringe il portiere ad un miracolo. Passa ancora un minuto e i bianconeri vanno in vantaggio, DeCeglie scende sulla fascia e pennella un cross perfetto in mezzo all'area su cui si avventa Pepe, che realizza da pochi passi. Dopo il gol,  i bianconeri continuano a premere alla ricerca del raddoppio, ma per imprecisione nelle conclusioni e per l'accorta gara difensiva del Novara, nonostante le innumerevoli occasioni da gol create, non riescono più a trovare la via della porta e la prima frazione si conclude sul risultato di 1-0. Nella ripresa la musica non cambia e gli uomini di Tesser, oltre a difendersi con ordine, iniziano ad affacciarsi nell'area Juventina, creando qualche grattacapo a Buffon. Al 75' però, a distanza di un anno dalla sua ultima rete, Quagliarella rompe il digiuno, ed infila Ujkani con un preciso colpo di testa, che fissa il risultato sul 2-0 e catapulta la Juventus in testa alla classifica.

Il Barcellona batte il Santos 4-0 e vince il Campionato Mondiale per Club. Gli spagnoli, confermano ancora una volta di essere di un altro pianeta.ed infliggono ai talenti brasiliani del Santos, una lezione che si ricorderanno per molto tempo. I blugrana trascinati da un Messi stratosferico, dominano la partita dal primo all'ultimo minuto, in mezzo al campo, Fabregas, Xavi, Iniesta e Thiago, impressionano per la facilità di palleggio e danno spettacolo ad ogni azione. Gli uomini di Guardiola, mantengono costantemente il controllo della palla,  per poi partire con triangolazioni veloci e tagli improvvisi, che portano lo scompiglio nella retroguardia del Santos. Un vero e proprio spettacolo, che distrugge nel vero senso della parola, i campioni del Sudamerica. I brasiliani, non possono far altro che ammettere la schiacciante superiorità dei catalani "sono i più forti del mondo, una squadra di marziani" è il coro unanime che arriva dagli spogliatoi del Santos. Gli spagnoli, grazie alle reti di Messi, Xavi e Fabregas, finiscono il primo tempo in vantaggio per 3-0 e chiudono definitivamente la pratica. Il secondo tempo è spettacolo allo stato puro, impreziosito da una perla di Messi, che all82' realizza la quarta rete per gli spagnoli. Oggi, abbiamo avuto l'ennesima dimostrazione, che il Barcellona, in questo momento, è in assoluto la squadra più forte del mondo, onore a Guardiola e al suo splendido gruppo di giocatori, che oltre a vincere tutto, sanno offrire uno spettacolo calcistico unico al mondo, che vale sempre il prezzo del biglietto. Questa straordinaria prestazione del Barcellona, merita di essere vista e rivista, quindi qui sotto, trovate non uno, ma tre video relativi al successo dei catalani. 


Eccovi il video con la carrellata dei gol, che hanno caratterizzato la ventesima giornata del Campionato di calcio di Serie B. Per quello che riguarda l'alta classifica, il Torino sconfitto a Modena per 2-1 perde punti importanti, ma le dirette inseguitrici non ne approfittano. Sassuolo e Reggina pareggiano 1-1 e il Padova, sul proprio campo, viene costretto ad un pareggio per 2-2 da una sorprendente Nocerina. Questi i risultati delle altre partite disputate: Albinoleffe - Gubbio 0 - 0, Bari - Vicenza 2 - 2, Crotone - Ascoli 1 - 2, Empoli Grosseto 2 - 2, Juve Stabia - Cittadella 3 - 1.  
Lo Schalke 04 demolisce con un pesante 5-0 il Werder Brema e mantiene il secondo posto in classifica, in compagnia del Borussia Dortmund vittorioso sul campo del Friburgo per 4-1. Gli uomini dell'allenatore olandese Huub Stevens, chiudono la pratica nei primi venti minuti, con una doppietta dell'intramontabile Raul, innescato in entrambe le reti, da un Huntelaar in serata di grazia. Nella ripresa, al 63' lo spagolo mette il terzo sigillo personale alla gara. A quel punto, gli ospiti vanno letteralmente in barca, e in soli sette minuti, subiscono altre due reti, ad opera di Papadopulos al 67' e Huntelaar al 70'. Il Werder perde la sfida di alta classifica con lo Schalke e torna a casa con un pesante passivo. 
Il Borussia Dortmund si impone per 4-1 sul campo del fanalino di coda Friburgo e si porta a tre punti dalla vetta della classifica, occupata dal Bayern di Monaco, vittorioso a sua volta contro il Colonia per 3-0 nell'anticipo di venerdi. La squadra allenata da Jurgen Klopp è andata in vantaggio con Lewandowski, dopo solo sette minuti di gioco. Al 35', i padroni di, riuscivano a ristabilire la parità, grazie ad una rete di Rosenthal, ma prima della fine del primo tempo, al 43' Gundogan, riportava in vantaggio gli ospiti. Nel secondo tempo, al 53' Grosskreutz, portava il punteggio sul 3-1 e al 70' arrivava la quarta rete, ancora con Lewandowski.



Eccovi il video relativo al gol da antologia, realizzato dall'argentino Emiliano Maina, durante una partita di calcetto della Serie B italiana. Il giocatore, che milita nelle file del Rocca Massima Latina, viene servito da un compagno al limite dell'area, il portiere avversario, lascia i pali per andare a contrastarlo, a questo punto, l'attaccante sudamericano, spalle alla porta, con un colpo di tacco da fuoriclasse, la spedisce nell'angolo più lontano della porta lasciata sguarnita dall'estremo difensore, lasciando tutto il pubblico a bocca aperta. Una rete stupenda che merita di essere vista. 
Eccovi due video molto sexy della modella di Playboy Mariana Diarco.  La splendida argentina dalle curve mozzafiato, è molto famosa in sudamerica per le sue recenti apparizioni senza veli sulle pagine di molte riviste specializzate come Playboy, Maxim, Hombre e Paparazzi ed è fidanzata ufficialmente con l'attaccante italoargentino dell'Atalanta Ezequiel Schellotto. Il primo filmato è stato registrato durante la recente campagna pubblicitaria della rivista messicana Hombre. Il successivo è una compilation esplosiva, in cui mette mostra il suo corpo da favola e la sua incredibile sensualità. (la visione e' sconsigliata ai deboli di cuore).
Fiorentina e Atalanta pareggiano col punteggio di 2-2 al termine di una partita dal finale incandescente. Dopo nove minuti di gioco, i viola passano in vantaggio con Gilardino, abile ad anticipare Lucchini con un tocco d'esterno, su un cross al volo di Vargas. La prima frazione, non riserva altre emozioni e si chiude col punteggio di 1-0. Nella ripresa l'Atalanta cresce e Denis, inizia a creare problemi alla retroguardia dei padroni di casa, che rispondono con veloci azioni di contropiede. Gli ultimi 10 minuti sono da cardiopalma. All'80 Masiello, con la complicità di un goffo intervento di Boruc, ristabilisce la parità. Galvanizzati dal gol, gli orobici spingono sull'accelleratore alla ricerca del vantaggio. All'86', Denis, su cross di Schellotto dalla fascia destra, insacca da pochi passi, ribaltando il risultato del primo tempo. La Fiorentina, come una belva ferita, si butta in avanti alla ricerca del pari e ad un minuto dalla fine, lo ottiene con un azione che farà discutere per molto tempo. Jovetic, in netto fuorigioco, controlla con la mano, una sponda di De Silvestri e batte Lucchini, le proteste degli atalantini sono furiose, ma non servono a far cambiare idea al direttore di gara che convalida la rete. La partita prosegue in un clima ad alta tensione e dopo sei minuti di recupero, Peruzzo fischia la fine.
szólj hozzá: ATA
Il Milan batte il Siena 2-0 e torna temporaneamente in testa alla classifica in attesa dei risultati delle dirette concorrenti al primato. Allegri manda in campo una difesa inedita con Mexes, Bonera Thiago Silva e Taiwo,  a centrocampo piazza il trio Nocerino, Seedorf, Van Bommel, con Boateng alle spalle delle punte Robinho e Ibra. I rossoneri partono in quarta e danno l'impressione di poter fare un solo boccone del Siena, gli ospiti però, si difendono con ordine e gli uomini di Allegri, nonostante l'enorme pressione, non riescono a trovare la via della porta, la prima frazione di gioco, si chiude così a reti inviolate. La ripresa inizia sulla stessa falsariga del primo tempo e dopo una decina di minuti, l'enorme mole di lavoro dei Campioni d'Italia, viene premiata. Nocerino, ancora lui, con una precisa conclusione dal limite, probabilmente deviata da un difensore, infila Brkic e sblocca il risultato. Al 63' Bergonzi, concede un rigore alquanto dubbio, per un presunto atterramento di Boateng da parte del portiere, Ibra si incarica dell'esecuzione e trasforma con un tiro angolato, portando il risultato sul 2-0. Il doppio vantaggio, taglia le gambe agli uomini di Sannino e Pato, subentrato a Robinho, per ben due volte va vicino alla terza rete. Prima che la partita si spenga definitivamente, al 78', il Siena , approfittando del ritmo ormai blando dei padroni di casa, si rende pericoloso con una bella conclusione di testa di Bolzoni, che costringe  Amelia ad un difficile intervento. Dopo quattro minuti di recupero, l'arbitro fischia la fine e il Milan vola provvisoriamente in vetta alla classifica della Serie A. 
szólj hozzá: mil 2-0 sie tvgoals.net
Il Bayern travolge il Colonia con un secco 3-0 e si laurea campione d'inverno della Bundesliga. La partita, è stata una vera e propria dimostrazione di forza e di superiorità, da parte degli uomini di Heynckes, che riescono ad aver ragione degli avversari con un punteggio rotondo, nonostante rimangano in dieci dal 33' del primo tempo, a causa di una follia di Ribery, che si fa prima ammonire e poi espellere, per aver rifilato una doppia testata al difensore del Colonia Sereno. I bavaresi, nella seconda frazione della gara, trascinati da un Mario Gomez sempre più determinante, non accusano minimamente l'inferiorità numerica e al 48' vanno in vantaggio proprio con Gomez che abilmente servito da Muller, da una decina di metri batte Rensing realizzando la sua sedicesima rete stagionale. Al 52' per garantire una maggiore copertura alla squadra, Heynckes toglie Muller e lo sostituisce con David Alaba. Al 63' poco dopo il suo ingresso in campo, l'austriaco, con una conclusione da pochi passi su cross dalla bandierina di Kroos, porta il punteggio sul 2-0  All'88 le parti si invertono, questa volta è Alaba a servire l'assist vincente a Kroose, che con un tocco felpato, fissa il punteggio sul 3-0. Con questa vittoria il Bayern si porta a quota 37 punti, inseguito con sei lunghezze di distacco dal Borussia Dortmund e dallo Schalke 04 che oggi incontreranno rispettivamente il Friburgo e il Werder Brema.
szólj hozzá: Bayern Munich 1-0 Köln
szólj hozzá: Bayern Munich 2-0 Köln
szólj hozzá: Bayern Munich 3-0 Köln
Dopo la rissa tra Balotelli e Richards, avvenuta durante un allenamento della squadra, Roberto Mancini, intervistato dai media inglesi, ha buttato acqua sul fuoco, giustificando il comportamento dei due giocatori. Rispondendo alle domande dei giornalisti, il tecnico del City ha detto "sono cose che capitano, durante le partitelle in famiglia, i giocatori si impegnano al massimo ed è normale che la troppa passione, alle volte sfoci in qualche spiacevole litigio" L'allenatore della squadra inglese, ha poi voluto sottolineare che la vicenda non ha lasciato strascichi di alcun tipo, perchè i due giocatori sono molto amici e si sono subito riappacificati.
Shakira è arrivata in Giappone, per assistere alla finale del Mondiale per Club Barcellona - Santos. La popolarissima cantante, è sbarcata all'areoporto di Tokio, in compagnia dei genitori del fidanzato Gerard Piquè. Al suo arrivo, la cantante colombiana, è stata accolta da numerosi giornalisti e da un folto gruppo tifosi catalani. 
L'ex stella dell'Inter Samuel Eto'o, che ora milita nelle file della squadra russa dell'Anzi, è stato punito dalla Federcalcio Camerunense, con 15 giornate di squalifica, per aver capeggiato la protesta della squadra, contro il mancato pagamento di un premio di 763 Euro a testa. La protesta, è poi sfociata in uno sciopero, che ha causato la cancellazione della partita amichevole del novembre scorso con L'Algeria. Ora la Federazione Algerina, chiede un milione di dollari come risarcimento, per il danno economico, causato dal mancato svolgimento della gara. La Commisione Disciplinare del Camerun ha annunciato, che per gli stessi motivi,  il vice capitano Enoh Eyong, è stato squalificato per due partite. Il giocatore ha dieci giorni di tempo, per presentare ricorso contro questa pesantissima sanzione che lo escluderebbe dai Mondiali del 2014 e dalla Coppa d'Africa del 2013.
Elizabeth Lambert, difensore della squadra femminile del New Mexico, è sicuramente la calciatrice più rude ed aggressiva, di tutto il panorama del calcio femminile a livello mondiale. Eccovi un filmato che mostra tutto il suo vasto repertorio di scorrettezze, entrate assassine e colpi proibiti.
Ecco il tabellone dei sedicesimi di finale dell'Europa League.                                                 

szólj hozzá: Nem nyílik a ManCity golyója
Con la solita puntualità svizzera, oggi alle 12 precise, si è svolto a Nyon, il sorteggio degli ottavi di finale della Champions League. L'urna della piccola cittadina svizzera, è stata benevola con le squadre italiane, che riescono ad evitare le temutissime Barcellona e Real Madrid. L'Inter pesca i francesi dell'Olympique Marsiglia, il Milan incontrerà l'Arsenal e il Napoli dovrà vedersela con il Chelsea di Villa Boas.
Il calcio femminile è cresciuto in maniera incredibile. Ho seguito alcune partite del recente Campionato del Mondo vinto dalla nazionale giapponese femminile, devo dire che sono rimasto letteralmente esterefatto dal gioco spumeggiante espresso da molte squadre e dalla straordinaria bravura delle calciatrici in campo. Le squadre si muovono con schemi ben precisi, diagonali difensive, sovrapposizioni, raddoppi, possesso palla, tagli e lanci in verticale da far invidia ai colleghi maschi. Il tasso tecnico in alcune di loro, è a livelli da "calcio spettacolo" e i colpi di classe si susseguono in ogni partita rendendo gli incontri piacevoli da vedere. Guardando questi due video, relativi ad incontri disputati durante i Mondiali della scorsa estate, potrete ammirare lanci al millimetro, palleggi nello stretto di alta scuola, tiri al fulmicotone da fuori area, punizioni all'incrocio dei pali, azioni in velocità, tocchi felpati ed altro ancora. Non aggiungo altro, guardare per credere, vi stropiccerete gli occhi.
Stando alle ultime indiscrezioni negli ambienti del calciomercato, la Juventus è molto vicina ad Albiol del Real Madrid. La società bianconera, ha richiesto ai dirigenti spagnoli , il prestito a gennaio, del difensore centrale della nazionale iberica, da quanto è trapelato, Marotta ha ottenuto il benestare della società  madrilena ed ora sta trattando con il manager del calciatore, gli aspetti economici del trasferimento. Dopo aver disputato un ottimo Campionato del Mondo con la maglia della Spagna, Albiol è stato relegato in panchina dal tecnico Mourinho e le sue apparizioni sono state sempre più rare, questo naturalmente, aumenta di molto le probabilità che la società bianconera trovi un accordo economico con il giocatore e la trattativa vada in porto.
L'Atletico Madrid batte 3-1 il Rennes e si qualifica per i sedicesimi di finale dell'Europa League, vincendo il girone di qualificazione che vedeva impegnata anche l'Udinese, classificatasi seconda. Allo stadio "Vincente Calderon' di Madrid, dopo un brivido provocato da una clamorosa traversa di Mavinga al 16', i padroni di casa prendono in mano la partita e al 37' passano in vantaggio con Falcao, che trasforma un calcio di rigore concesso dall'arbitro per atterramento di Adrian Lopez da parte di Mandjeck. Dopo solo quattro minuti, arriva il raddoppio degli spagnoli, con un perentorio colpo di testa di Alvaro Dominguez su punizione battuta da Diego. Si va così al riposo sul punteggio di 2-0. Nella ripresa, i francesi provano a reagire e riescono a rendersi pericolosi, costringendo l'estremo difensore dell'Atletico Asenjo, a sfoderare il meglio del suo repertorio, in più di un occasione. Al 79' però, al termine di una pregevole azione corale, Turan porta il punteggio sul 3-0, spegnendo definitivamente le speranze di rimonta dei transalpini. Nei minuti finali, c'è ancora lo spazio per il gol della bandiera ad opera di Mandjeck, che con un bel colpo di testa fissa il punteggio finale sul 3-1.
szólj hozzá: ato-ren
Eccovi il video dei gol di De Rossi e Chiellini in Roma - Juventus 1-1, con il doppio commento di Carlo Zampa per i giallorossi e Claudio Zuliani per i bianconeri. I due celebri telecronisti tifosi, offrono come al solito, una colorita telecronaca ricca di entusiasmo e simpatia.
L'Udinese pareggia 1-1 la sfida casalinga con il Celtic e passa il turno dell'Europa League, piazzandosi seconda nel girone I alle spalle dell'Atletico Madrid. Guidolin che deve fare a meno dell'infortunato Domizzi, vista l'importanza della sfida, manda in campo Di Natale dal primo minuto a far coppia con Abdi. Al 27' un brutto infortunio, costringe Badu a lasciare il campo in barella, dai primi accertamenti, sembra che il centrocampista della squadra friulana, abbia riportato la frattura del perone. Con l'Udinese temporaneamente in dieci, al 28' il Celtic passa in vantaggio con Hooper, abile a ribattere in rete da pochi passi una respinta di Handanovic, carambolata su Ekstrand. Al 29' entra Pinzi in sostituzione di Badu. Al 45' , Di Natale ristabilisce la parità, riaccendendo le speranze dei tifosi, l'attaccante friulano, con un guizzo da grande opportunista dell'area di rigore, si avventa sulla respinta di un difensore e dal limite dell'area piccola, fredda Forster con una conclusione al volo di rara potenza e precisione. Nel secondo tempo, l'Udinese continua a premere, ma al 30', sono gli scozzesi ad andare vicini al raddoppio con Cha Du-Ri che colpisce il palo. Nel finale della gara, i friulani hanno ancora due ottime occasioni con Di Natale, ma la mira di Totò non è delle migliori e il risultato non cambia fino alla fine. La squadra di Guidolin, con questo risultato, accede ai sedicesimi di finale dell'Europa Leagueprosegue il suo cammino in Europa.
szólj hozzá: Udinese 1-1 Celtic
Ecco il filmato relativo al brutto infortunio capitato a David Villa durante la semifinale del Mondiale per Club tra il Barcellona e l'Al Sadd, vinta dai catalani col punteggio di 4-0. Al 36' del primo tempo, il nazionale spagnolo, in un normale scontro di gioco con il difensore Mohammed, riporta la frattura della tibia ed è costretto a lasciare il campo in barella. Dalla prima diagnosi, effettuata dai medici dell'ospedale di Yokohama, l'attacante spagnolo, dovrà stare lontano dai campi di gioco dai quattro ai sei mesi. La sua presenza alla fase finale dell'Europeo, a questo punto, è in forte dubbio.
szólj hozzá: David Villa leg break v Al Sad
Nella partita del campionato brasiliano Under 20 tra il Bahia e la Figueirense, il centravanti della squadra ospite, con una bellissima azione personale, realizza una rete di ottima fattura. Al termine dei suoi festeggiamenti per il gol, l'arbitro dell'incontro, tra lo stupore generale, lo espelle per aver ignorato il fair play, continuando la sua azione, nonostante un avversario fosse rimasto a terra infortunato in seguito ad uno scontro di gioco. L'insolita decisione, ha scatenato furiose proteste da parte di tutta la squadra, ma ciò non è servito a far cambiare idea al direttore di gara.
Incredibile sceneggiata del portiere del SL Benfica durante la partita del campionato portoghese tra la sua squadra e lo Sporting Club de Portugal. Dopo una concitata azione nella propria area di rigore, si vede chiaramente il tecnico dei padroni di casa Jorge Jesus, suggerire al proprio portiere di buttarsi a terra. L'estremo difensore, appena se ne accorge, si accascia al suolo, esaudendo le richieste del suo tecnico e mettendo in scena, una delle simulazioni più vergognose mai viste su di un campo di calcio.
L'Universidad de Chile batte per 3-0 la Liga de Quito e si aggiudica la Coppa Sudamericana, vincendo il primo trofeo internazionale della storia del club. Allo stadio "Santa Laura" di Santiago del Cile, i padroni di casa, hanno dominato la partita per tutti i 90' e il risultato, non ha assunto proporzioni maggiori, solo grazie alla straordinaria serata di vena del portiere del Quito Alexander Dominguez. I cileni sono passati in vantaggio dopo solo 3 minuti, grazie ad un gran destro dal limite della giovane promessa  Eduardo Vargas. Dopo il vantaggio, l'Universidad de Chile ha controllato la partita senza fatica, tra il tripudio dei propri tifosi che hanno trasformato lo stadio in una e vera propria bolgia festosa. All'80' Lorenzetti, sfruttando una corta respinta del portiere, ribadisce  in rete da pochi passi, portando il punteggio sul 2-0. All'87' infine, il gioiello di casa Vargas, con una splendida azione pesonale, porta a tre le reti della sua squadra, regalando ai propri tifosi una serata indimenticabile.
Il Barcellona batte con un secco 4-0 l'Al Sadd e conquista l'accesso alla finale del Mondiale per Club, dove incontrerà i brasiliani del Santos. Come previsto, nella semifinale della manifestazione che si sta svolgendo in Giappone, i catalani si sono sbarazzati della squadra del Qatar senza troppi problemi. Guardiola, vista la caratura dell'avversario, decide di tenere prudenzialmente a riposo Fabregas, Xavi e Piquè, nonostante ciò, il Barcellona parte subito in quarta assediando gli avversari nella loro area. Dopo una fase iniziale. in cui i catalani non riescono a trovare sbocchi verso la porta, al 25' Adriano porta in vantaggio gli spagnoli, con la complicità del portiere dell'Al Sadd, che non controlla un appoggio ravvicinato di un compagno, consentendo al brasiliano di segnare. Al 43' e' ancora Adriano a firmare il raddoppio, con un preciso diagonale dai 16 metri, si va così al riposo, sul punteggio di 2-0 in favore del Barcellona. All'inizio del secondo tempo, un brutto infortunio costringe Villa a lasciare il campo e viene sostituito da Sanchez. Il nazionale spagnolo, ha riportato la frattura della tibia e rimarrà lontano dai campi di gioco per alcuni mesi. Al 64' su assist di Messi, Keita porta il punteggio sul 3-0. All'81', con un rasoterra di Maxwell, arriva il poker dei catalani. La finale sarà Barcellona - Santos, lo spettacolo è assicurato.
szólj hozzá: Barca vs Al Sadd 4:0 GOALS
Si e' disputata ad Amburgo, la tradizionale partita contro la povertà, organizzata dalle Nazioni Unite, con il sostegno dell'UEFA. L'incontro vedeva opposte le vecchie glorie dell'Amburgo ed una selezione internazionale. Tra gli altri, nella selezione di stelle, hanno dato spettacolo Ronaldo, Zidane, Pires, Salgado e Drgoba. Il brasiliano, nonostante il sovrappeso abbia raggiunto livelli notevoli, riesce anche a segnare una rete di ottima fattura dopo uno scambio in area con Drgoba.
szólj hozzá: Hamburg - Zidane, Ronaldo
L'Inter batte il Genoa per 1-0 nel recupero della partita sospesa per la terribile alluvione di Genova. Gli uomini di Ranieri infilano la seconda vittoria consecutiva e agganciano il sesto posto in classifica. Il tecnico nerazzurro conferma il 4-4-2 con Milito e Pazzini punte, a centrocampo insieme all'esordiente Poli, troviamo il giovane Faraoni. Malesani dal canto suo, risponde con una formazione molto coperta, lasciando davanti il solo Ze' Eduardo, che in mezzo a due vecchi marpioni come Lucio e Samuel, praticamente non la vede mai. Al 67' il gol che decide la partita, Alvarez dalla fascia destra pennella un ottimo cross sul secondo palo, Nagatomo taglia da sinistra e nonostante i suoi 170 cm., salta piu' alto di Mesto e realizza di testa.
szólj hozzá: SA:Genoa-Inter 0-1 Hghl 131211
Il Santos batte 3-1 i giapponesi del Kashiva nella prima semifnale del Mondiale per Club. I brasiliani partono subito forte e grazie al tasso tecnico decisamente superiore, alla fine del primo tempo si trovano in vantaggio per 2-0, con due splendide reti di Neymar e Borges. All'inizio del secondo tempo, i generosi e combattivi nipponici, riescono ad accorciare le distanze con il terzino Sakai, ma poco dopo Danilo su punizione, fissa il punteggio sul 3-1. Ganso il migliore tra i brasiliani, l'autore del gol Sakai tra i giapponesi. Domani l'altra semifinale tra Barcellona e Al Sadd, deciderà' chi sara la rivale del Santos per la vittoria finale.
Vargas alla Juventus, Krasic in viola. Dalle ultime indiscrezioni, si sta per concretizzare un clamoroso scambio di prestiti tra Juventus e Fiorentina. A prima vista, ci sono tutti i presupposti, per dare credito a queste voci. Il peruviano è un vecchio pallino di Conte,  all'allenatore bianconero piacciono i guerrieri e questa dote, non fa certo difetto all'esterno viola. Durante il recente mercato estivo, la società bianconera infatti, aveva ripetutamente cercato l'accordo con i viola, ma la trattativa non andò in porto, perchè Della Valle pretendeva Quagliarella in cambio di Vargas e Marotta rispose picche. Adesso invece, la pedina di scambio sembra essere Krasic e visto la chiara incompatibilità del serbo con gli schemi del tecnico bianconero, questa soluzione, è considerata interessante dai dirigenti della squadra torinese. Un'altro trasferimento, che sembra destinato a concludersi, è il passaggio di Amauri al Totthenam, secondo i media inglesi, l'affare è da considerarsi addirittura concluso.
Il Cesena supera per 1-0 il Palermo. Con questa vittoria, ottenuta fuori casa, su un campo ostico come quello siciliano, i romagnoli, portano a casa tre punti estremamente importanti per la classifica e per il morale. Il mattatore dell'incontro è stato Mutu, che al 61' ha trafitto Benassi con un perentorio stacco di testa, su azione di calcio d'angolo. Il rumeno, dopo un inizio di campionato a fasi alterne, ora sta graduatamente ritrovando la forma dei giorni migliori ed è diventato l'anima e il trascinatore di questo Cesena, che grazie anche ad un organizzazione di gioco eccellente ed un centrocampo solido, fa ben sperare i suoi tifosi. Il Palermo invece, dopo i segnali positivi dell'ultimo periodo, è tornato ad evidenziare, quello che è il suo maggiore difetto, la continuità.
Il Milan pareggia 2-2 con il Bologna e rallenta la rincorsa alla Juventus. La squadra di Conte, nel posticipo di domani con una Roma allo sbando, ha la possibilità di incrementare il vantaggio sui Campioni d'Italia.  Eccovi i video con i gol dell'avvincente partita. A breve l'articolo.
szólj hozzá: Bologna 1-0 Milan
szólj hozzá: Bologna 1-1 Milan
szólj hozzá: Dive Ibra
szólj hozzá: Bo2-2Ac[Matchhighlight.com]
La Lazio scende un Puglia ed espugna il campo del Lecce, vincendo per 3-2 al termine di una partita avvincente e combattuta. L'anticipo diurno della quindicesima giornata di campionato, ha confermato le straordinarie doti di Miroslav Klose, che si conferma una volta di più, uno spietato giustiziere dell'area di rigore, uno di quei giocatori capaci di trasformare in oro anche una mezza occasione, una di quelle punte che se le perdi di vista per un attimo, ti fanno nero prima che hai il tempo di accorgerti del pericolo, insomma un campione. La partita inizia molto bene per i salentini, al 12' il direttore di gara, assegna un calcio di rigore alla squadra di Cosmi per un atterramento di Di Michele da parte di Marchetti, si incarica dell'esecuzione lo stesso Di Michele che realizza portando in vantaggio i leccesi. Galvanizzato dal vantaggio, il Lecce gioca bene e risponde colpo su colpo ai Laziali. Al 28' però, "Killer" Klose su assist di Diakitè, ristabilisce la parità con una zampata da distanza ravvicinata. Gli uomini di Cosmi non ci stanno e spingono sull'accelleratore alla ricerca del nuovo vantaggio, la Lazio però si difende con ordine e il primo tempo termina con il punteggio di 1-1. Nella ripresa, dopo solo 2 minuti di gioco, sono i laziali a trovarsi in vantaggio, con un gol di Cana servito da Klose. La reazione del Lecce è immediata e al 58' Ferrario pareggia il conto, con una precisa incornata su cross di Muriel. I leccesi non paghi del pareggio, per una ventina di minuti, continuano a premere con intensità alla ricerca della vittoria, ma a tre minuti dal fischio finale il "Giustiziere" sale in cattedra e spiega a tutto lo stadio, l'importanza di avere in squadra giocatori del suo calibro, azione di allegerimento dei laziali, cross di Cissè per Klose che brucia tutti sul tempo e con un colpo di testa fredda il portiere salentino. Lecce-Lazio 2-3, padroni di casa combattivi ma sfortunati, biancocelesti cinici e temporaneamente secondi in classifica.
szólj hozzá: SerieA: Lecce-Lazio 2-3 101211